Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

 Cosa è un virtual tour

 

Un virtual tour è una presentazione multimediale basata sulla fotografia panoramica a 360°.
Per l’utente è come stare in piedi al centro di un ambiente che è in grado di controllare. E’ quindi uno strumento interattivo  che consente la visione  di diverse tipologie di luoghi con un realismo sorprendente ed emozionante.
Quale è il nostro modo di operare?
In primo luogo effettuiamo un sopralluogo dell’ambiente oggetto del virtual tour, per studiarne le caratteristiche e successivamente effettuiamo le riprese fotografiche con l’utilizzo di camere ed obbiettivi specifici.
Nella terza fase, quella di post produzione adoperiamo specifici software che ci permettono in un primo momento di “cucire” tra loro le foto, ed in un secondo momento di realizzare il tour virtuale, con la possibilità di inserire al suo interno anche elementi multimediali come audio, video, testi ed hotspot che permettono all’utilizzatore di spostarsi tra diversi ambienti con un semplice click del mouse
QUALI VANTAGGI OFFRE UN VIRTUAL TOUR?
- E’ uno straordinario strumento di web marketing in grado di valorizzare al meglio l’immagine del tuo business
- Un potente strumento pubblicitario che necessita investimenti ridotti
- La possibilità di far visitare a distanza, a potenziali clienti, luoghi ed ambienti senza che li raggiungano fisicamente
- Un metodo efficace per fidelizzare il potenziale cliente in un modo totalmente innovativo
- E’ scientificamente provato che un sito internet con un virtual tour al suo interno, ha un tempo medio di permanenza del visitatore molto più lungo rispetto ai siti normali
Se sei un’azienda moderna, al passo con i tempi, che desidera pubblicizzare la propria  attività in modo creativo e vincente, non esitare a contattarci…resterai piacevolmente sorpreso  dai risultati che potrai ottenere con i nostri tour virtuali.

I DRONI STANNO RIVOLUZIONANDO I LAVORI NEI CAMPI E I DATI NELL'OCCUPAZIONE

 

WhatsApp_Image_2017-06-23_at_12.57.32.jpeg

Le nuove tecnologie come i droni stanno rivoluzionando i lavori nel campo dell'agricoltura. Molti pensano che la campagna e l’agricoltura siano all’antitesi del mondo tecnologico e dell’innovazione. La realtà invece è molto diversa. Le nuove tecnologie stanno rivoluzionando il settore dell'agricoltura e sta nascendo una nuova generazione di contadini 2.0. Lavorare i campi può essere la soluzione per i giovani del domani e non solo una battuta sull’attuale tasso di disoccupazione del nostro Paese. Nel 2015 gli studenti iscritti ad Agraria sono aumentati del 12% - Fonte Coldiretti- e tendenze positive si riscontrano per tutti gli indirizzi legati all’ambiente, all’alimentazione e al turismo. Stesso discorso anche per gli investimenti nel settore dell’agricoltura che è quello che fa segnare il maggior aumento degli occupati con un incremento record del 4,9% annuale. Il dato è quasi il triplo rispetto a quello fatto registrare nei servizi (+1,8%) mentre per l’industria il segno è addirittura negativo (-0,5%) nel 2016. Questo è quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base del rapporto annuale 2017 dell’Istat presentato dal presidente Giorgio Alleva. Il ritorno alla terra è dovuto soprattutto anche alle nuove tecnologie che permettono dei metodi di coltivazione diversi rispetto a dieci o venti anni fa. L’agricoltura – sottolinea la Coldiretti -  si dimostra essere un settore anticiclico tanto da essere cresciuta anche durante gli anni della crisi mettendo a segno un aumento del 3,5% dal 2008 al 2016 a fronte di un crollo del 13,6% dell’industria. A favorire la crescita dell’occupazione è infatti anche il fenomeno del ritorno alla terra di molti giovani. Sempre secondo un’analisi Coldiretti quasi una impresa condotta da giovani su dieci in Italia opera in agricoltura (8,4%) dove sono presenti ben 51.123 aziende guidate da under 35, in crescita del 2016 del 6% rispetto all’anno precedente.